Cheesecake di Primavera

Beh di certo non mi riferisco alla stagione che stiamo vivendo visto che siamo alle soglie di Ferragosto ma l’autrice di questa  ricetta è una gentil signora milanese :) di nome Primavera che frequenta il forum di Gennarino. L’ho riadattata, come al solito,  con gli ingredienti che avevo in casa ma il procedimento è fedele alla ricetta.

Ho realizzato il dolce in uno stampo da 18 cm in modo da essere consumato tutto in una volta e delle miniporzioni da tenere in congelatore ed utilizzare all’occorrenza.

L’aspetto non è granché ma vi assicuro che è davvero delizioso.

.

Ingredienti

Per la crosta:

  • 300 gr. biscotti tipo Digestive (io ho usato biscotti con frutta secca)
  • 80 gr. burro preventivamente sciolto
  • 1 pizzico di cannella
  • 1 cucchiaino da caffè di miele di acacia

Per la crema:

  • 120 gr  Philadelphia (cream cheese)
  • 100 gr robiola
  • 250 gr. ricotta fresca di mucca setacciata
  • 200 gr. zucchero semolato bianco
  • 250 gr.panna  fresca
  • 125 gr. yogurt intero naturale
  • 4 uova freschissime intere leggermente battute
  • buccia di limone, non trattato, grattugiata
  • bacca di vaniglia
  • mezzo cucchiaino di farina bianca 00 setacciata
  • topping alle fragoline di bosco (ancora meglio con una crema ridotta di frutti di bosco cotti con poco zucchero e un po’ d’acqua, poi passati al setaccio.)

1 stampo per torte diametro cm. 18 con bordo sganciabile  + 10 stampini da muffin

.

.

Preparazione

.
Per la base:
.

Frullate/tritate finemente i biscotti, aggiungete il pizzico di cannella, il cucchiaino di miele di acacia, il burro sciolto e cominciate a lavorare il composto direttamente con una mano.
Mettete alcune manciate di impasto all’interno dello stampo e cominciate a creare il bordo della vostra cheese cake pressando, con le dita piatte, sul bordo.
Ultimato il bordo procedete allo stesso modo per la base.
Riponete quindi la  teglia in frigo per un tempo di riposo di almeno 30′.

.
Per la crema:
.

Cominciate ad amalgamare il creme cheese e la robiola, poi la ricotta setacciata, lo yogurt, lo zucchero, la buccia di limone grattugiata, i semi della bacca di vaniglia, aggiungete quindi le uova, la panna e per ultimo il mezzo cucchiaino di farina setacciata. Scaldate il forno a 160°.

Rovesciate la crema nel vostro stampo e fate cuocere per un ora circa. La superficie diventerà leggermente dorata.

Fate la prova stecchino

.
Tempi di raffreddamento, riposo e degustazione
.

Estraete il dolce dal forno e lasciatelo raffreddare per almeno 3 o 4 ore per poi riporlo in frigorifero per almeno altre 2 ore.
Estraetelo dal frigorifero 10′ prima di degustarlo, toglietelo dallo stampo e ponetelo sul piatto di portata .

Deve essere consumato entro 3/4 gg dalla preparazione e conservato rigorosamente nel frigorifero.

.

.

.

.

I due ultimi mini cheese cake sono riuscita a fotografarli e li abbiamo degustati io e il mio  maritino :D

.

.

.

[ 9 Commenti Scritto da:“Cheesecake di Primavera”]

  1. Maria53

    mamma mia che bonta’!! Semplici da fare, l’unica perplessità è la mucca setacciata, non tanto per il setaccio ma la mucca sarà d’accordo?’!!:-))))

  2. giulia pignatelli

    Lory, il blog e le ricette sono sempre più belli, questa poi è magnifica!!!

  3. Lory

    @Maria: in effetti penso che sarebbe un po’ difficile convincerla :D
    @Giulia: grazie mille cara!!

  4. amichecuoche

    che buona… slurp… posso passare a prenderne una di quelle tenute per scorta?? deve essere buonissima!!

  5. monica

    bellissime, senza parole davvero!

  6. SingerFood

    Ho sorriso con il nome del tuo blog ( carinissimo! ) ed ora passo con piacere a gustare un pezzettino del dolce! =)
    Buon Pomeriggio!
    Francesca&Pietro di SingerFood & Chiccherie

  7. Lory

    @amichecuoche: siete sempre gentilissime!!! Grazie!!
    @Monica: grazie mille!!
    @Singerfood: il nome è tutta farina del mio sacco :D originale vero? Grazie per essere passata e complimenti per il vostro blog :D

  8. Valeria

    Ciao Lory, belline le mono cheesecakes! Io ho provato il tiramisù di Montersino… lì per lì non mi convinceva, la crema da sola è dolcissima, e appena fatta un po’ molliccia… ma il giorno dopo era DA URLO! Davvero ottimo e ha fatto un figurone! Grazie dei consigli :) Peccato non averlo fotografato in tempo, il blog dovrà attendere il prossimo tiramisù…

  9. Lory

    Hai fatto bene a provarlo..cosi’ ti sei tolta la curiosità e soprattutto hai avuto modo di mangiare un Tiramisu con la T maiuscola. Ora aspetto la foto della tua prossima realizzazione !!! ;-)

Lascia un commento

*