La Veneziana Gi-Cam (Focaccia Veneta)

on

Sulla scia dei dolci natalizi continuiamo a farci del male… :) Questo lievitato mi ha letteralmente rapita…appena l’ho vista, su Cookaround, è stato amore a prima vista, immaginavo la sua sofficità, il suo sapore e non ho esitato a provarla… l’abbiamo gustata a cena con le mie amiche di forum e ne ho portata un altra alle prove del coro… spazzolata entrambe le volte!!!

L’ho ripetuta diverse volte regalandola per Natale ai miei cari insieme ai panettoni di Zoia ed è stata apprezzatissima.

Ora la ricetta, tratta direttamente dal blog Dolci Pensieri, di una delle ideatrici che voglio veramente ringraziare di cuore.

Ingredienti primo impasto (sera)

  • 120 g di pasta madre ben attiva sciolta in 50g di acqua ( meglio oligominerale)
  • 250 g di farina manitoba
  • 50 g di tuorlo
  • 58 g di uovo intero
  • 100 g di burro
  • 80 g di zucchero semolato sciolto in 25 g di acqua
  • 30 g di acqua

Preparazione primo impasto

Alla pasta madre sciolta nell’impastatrice, aggiungere alternando un cucchiaio di farina e uno di sciroppo, sempre aspettando che il precedente ingrediente sia stato assorbito del tutto, prima di mettere l’altro.

Esaurito lo sciroppo continuare con farina e le uova sbattute leggermente, sempre a poco a poco. Incordare bene.

Aggiungere il burro morbido in a più riprese. Lasciare impastare bene finché tutto l’impasto si stacca dalle pareti.

Alla fine aggiungere i 30 g di acqua. Incordare bene, finché tutto l’impasto non si sia staccato dalla ciotola. Tirando un lembo, dovrà diventare trasparente senza rompersi.

Portarlo sul tavolo e senza sbatterlo maneggiarlo facendo un po’ di pieghe.

Lasciarlo lievitare in una ciotola capiente, fino a più del raddoppio.

Intanto mescolare lo zucchero del secondo impasto con i semini della vaniglia e l’arancia grattugiata e tenere da parte.

Ingredienti secondo impasto (mattina)

  • tutto il primo impasto lievitato
  • 100 g di farina manitoba
  • 33 g di tuorlo d’uovo
  • 60 g di zucchero
  • 1 bacca di vaniglia
  • 4 g di sale
  • 60 g di burro morbido
  • 10 g di burro di cacao o due quadretti di ciocco bianco
  • 1 cucchiaino di latte condensato (io l’ho messo in polvere)
  • 15 g di miele
  • scorza grattugiata di metà arancia
  • 25 g di latte intero

Preparazione secondo impasto

Riportare a incordatura il primo impasto, aggiungere metà farina alternata ai tuorli leggermente montati con lo zucchero aromatizzato.

Poi la farina alternata al miele miscelato con il latte condensato e al burro di cacao. Sempre tenendo l’incordatura aggiungere il burro morbido, con l’ultima porzione di burro, il sale e infine il latte.

Incordare bene come il primo impasto.

Formare una palla e metterla a puntare (sul tavolo a riposare) coperto 30′. Riformare la palla e metterla a lievitare in uno stampo da 22cm per 7 di altezza. Metterla in forno a lievitare finché con la cupola, non ha raggiunto il bordo.

L’impasto pesa circa 1 chilo.

Una volta lievitata, praticare un incisione a croce, pennellare di burro fuso, cospargere di granella e zucchero semolato.

Mettere in forno caldo a 200° per circa 5 minuti, poi abbassare a 180 per qualche altro minuto, portare a cottura 160° per circa 30 minuti.

I tempi sono indicativi, bisogna regolarsi in base al proprio forno. Dopo il tempo stabilito, fare la prova stecchino.

La focaccia una volta cotta andrebbe capovolta come i panettoni, con dei ferri da maglia o degli spiedini lunghi per almeno 6 ore o comunque fino a completo raffreddamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.